Roberto Brivio con la partecipazione di Grazia Maria Raimondi, presenta Canzoni popolari milanesi, un libro scritto a quattro mani con il musicologo Luigi Inzaghi .

Per partecipare è obbligatoria la prenotazione che può essere fatta compilando il modulo alla pagina https://bit.ly/33TCcWY
L’iscrizione all’evento comporta l’accettazione di tutte le disposizioni di sicurezza sanitaria previste per l’incontro.

Il “Gufo” Roberto Brivio, che festeggia 60 anni di carriera teatrale, novello Barbapedana, fa rivivere la gloriosa tradizione delle canzoni popolari milanesi.

L’autore Roberto Brivio (1938), diplomato attore all’Accademia dei Filodrammatici, in 60 anni di carriera teatrale (da attore, cantante, regista, impresario e autore di testi portati in scena) ha pubblicato numerosi libri (per Meravigli  El gran liber di parolasc e  Attenti al Gufo). È stato cofondatore de I Gufi, quartetto che ha divulgato il cabaret nei più importanti teatri italiani. Attualmente tiene una rubrica settimanale in milanese su “Il Giorno”.  

Copertina del libro "Canzoni popolari milanesi"

Il libro
La canzone popolare si identifica quasi sempre con la cultura più semplice ma anche più generalmente accettata e riconosciuta come tale di una comunità.  “Canta, che ti passa” dice un adagio molto diffuso nella lingua italiana colloquiale; e (anche) i milanesi, per non pensarci, hanno cercato di esorcizzare, con le canzoni, le situazioni più intense e drammatiche, a volte tragiche, ogni tanto grottesche, della storia e della loro vita privata. E così, questa antologia ci regala una galleria di sentimenti, di stati d’animo, di umori, quasi sempre colti in un particolare momento storico, dal Risorgimento agli anni Settanta del secolo scorso.
A inframmezzare testi, musiche e commenti, curati dal musicologo Luigi Inzaghi, ci sono gustosissimi racconti di vita vissuta – che prendono man mano spunto dalle canzoni – del “Gufo” Roberto Brivio.

Se vuoi lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.