Logo Biblioteca Cologno Monzese  Biblioteca Civica Englishcome arrivareorari
 Logo Biblioteca Cologno Monzese  di Cologno Monzese

 Logo Biblioteca Cologno Monzese

 angolo menù
 voglio e prendo
 lettura accessibile
 chiedilo a noi!
 scritta musica e
 librivori
 la biblioteca
 la nostra città
 i volontari
 il resto...
   Librivori
   
freccia
Gruppi di lettura Maratona Racconti di Lettura Juke box di narrazione letteraria
Piccoli Librivori Nati per Leggere La Biblioteca ti legge il futuro
Proposte bibliografiche della biblioteca La biblioteca germoglia e raddoppia Archivio iniziative

:: C’è un tempo per vivere e uno per raccontare
 citazione




Lo diceva già Sant’Agostino: se non me lo chiedi lo so, ma se me lo chiedi non so rispondere. E si riferiva alla definizione del tempo, di questo fluido cronologico in cui siamo immersi e che continuamente muta e ci muta, al punto che non possiamo bagnarci due volte nello stesso fiume. Ma un modo per rispondere alla domanda c’è ed è proprio quello di raccontare il tempo: sia nel senso di rendere oggetto di comunicazione quella gamma vastissima di emozioni, sensazioni, paure che sono legate allo scorrere del tempo, sia in quello di rendere esplicita la rivoluzione temporale che la narrazione (come la lettura) consente, ossia la libertà di sparare agli orologi e di farci vivere in un tempo altro. Tutti noi abbiamo scoperto quello che gli scrittori e i lettori sanno benissimo: che non basta vivere una storia, un’avventura, una passione, se poi non possiamo raccontarla a qualcuno, o anche solo a noi stessi, riorganizzandola in una nuova articolazione temporale. Che è solo narrando, cioè inserendo un avvenimento in una narrazione, che viviamo veramente.



:: Tempo al tempo

La percezione e l’uso del tempo cambiano a seconda delle culture e dei periodi storici e basta pensare a come ciascuno di noi percepisce il tempo nei diversi momenti della vita per capire come si dilati o si comprima: il tempo dell’attesa, quello del dolore, della gioia e del piacere che l’orologio scandisce col medesimo intervallo ma che noi viviamo come infinitamente lungo o sempre troppo breve. La mitologia, la filosofia, le religioni, oltre naturalmente alla scienza e alla letteratura, hanno costruito intorno al tempo complesse architetture concettuali e immaginifiche. Il tempo è rappresentato dal mutevole Chronos (che divora i suoi figli e si proclama signore della terra prima di essere a sua volta detronizzato da Zeus), ma anche dall’immutabile Aion, l’eone, il tempo-eterno, il tempo-durata, o dall’alato Kairòs, che esprime l’istante, il tempo dell’opportunità da cogliere al volo prima che svanisca. E poi il tempo è anche Saturno, il dio e l’astro del movimento lento, dell’immersione malinconica, del bradisismo immaginativo. Il fare e disfare del tempo si mescola così col mito dell’eterno ritorno o dell’Araba fenice (come dell’azteco e piumato serpente Quetzalcoatl) che periodicamente risorge dalle sue ceneri. L’idea della circolarità del tempo si riaffaccia quando meno ce l’aspettiamo, quando pensiamo di averla definitivamente sepolta in nome del tempo-freccia imposto dalla seconda legge della termodinamica. Ed è sempre intorno a un cerchio che ci riuniamo per raccontarlo.

vai alla pagina principale

 
 Logo Biblioteca Cologno Monzese Stemma della Città di Cologno Monzese




cerca sul sito
Recapiti dei servizi e del personale